20 maggio 2015

I cancelli in ferro battuto scorrevoli

I cancelli in ferro battuto possono essere a doppio battente o scorrevoli, la scelta dell’uno o dell’altro varia a seconda delle esigenze del cliente.

Focalizziamo l’attenzione sui cancelli in ferro scorrevoli: sono pratici, sicuri e si dividono in automatizzati e manuali.

I cancelli in ferro automatizzati montano meccanismi che ne facilitano l’apertura e la chiusura, solitamente attraverso un telecomando, quelli manuali, invece, devono essere aperti manualmente.

Anche se il cancello in ferro battuto scorrevole manuale è meno pratico rispetto a quello automatizzato,  non si deve pensare sia troppo complicato da gestire, l’apertura e la chiusura sono facilitate grazie grazie al binario sul quale poggia e scorre.

Il cancello in ferro scorrevole automatico, invece, si apre e si chiude grazie ad elementi che regolano il sistema di automazione:

  • un micro interruttore che ne regola l’apertura e ne ferma la corsa quando lo si desidera;
  • un’unità di controllo che ne controlla l’attività;
  • un programmatore per la regolazione del funzionamento del cancello;
  • uno o più fotocellule che rilevano la presenza di ostacoli durante l’apertura e la chiusura.

Ovviamente, le prestazioni variano a seconda del tipo di automazione che si monta sul cancello, anche se ci sono funzionalità che tutti i sistemi di automazione devono avere come la possibilità di sbloccare il cancello in mancanza di corrente elettrica.
Il ferro battuto rimane uno dei materiali migliori per la realizzazione di cancelli, in quanto è solido, resistente, adatto alla forgiatura, in più, grazie ai trattamenti che subisce, si conferma uno dei materiali che meno necessitano di manutenzione, sia ordinaria che straodinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *